SENTINELLA DELLA MIA RAGIONE

Rivelati al mio pensare nellle faccie di una nostalgia
E la tua voce in giorotondi colorati avvolge il mio corpo
Certa eternità descritta dalle mie labbra in sussurri
Confondo i passi fra la distanza a tagliarmi
E la verità di chi siamo nello specchio dei nostri atti
Crea encanto e furia a reenventare il desiderio
Galoppa le mie sere e mi vengono brividi se sei assente
Nell’infinità nella qualle la mia ansia pubblica la tua presenza
Mi apro come luna piena alle nostre lenzuole sudate
E di conoscerti e saperti tanto qui con me
E di confondermi di possederti unico per sempre
Uccidendomi di gelosia
E ricreandomi petala immersa nella ruggiada di carezze
D’essere tua
Immensa gioia
Propago il tuo nome nell’anima mia senza paura
Passione certa a condurre il mio destino
Ventura di amarti ancora
Gioia della mia vita
Quando niente mi scordo di te
Nemeno un solo secondo
Sentinella della ragione
Che io chiamo passione.

Miriam Da Costa

 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.