Angelo mio

 
Passerotto mio dolce
Ali di miele
Con fedele tenerezza
Bevo il tuo incanto
Dolce liquore
Aspiro il tuo sale
Gocce di godimento
Gocciolando nell’alba in colore
Nel  tenero calore
Baci che porti dal mare
Annuso le tue onde
Che mi portano aria di pace
Angelo mio dolce
Prendi cura del mio amore
Stringendomi di più fra le tue ali.
 
Miriam Da Costa
 
 

Annunci

Lo sguardo del mare

 
 
Quella sera
Lui mi guardava invitante
Impaziente
Divorava il mio desiderio di scappare
Era bellissimo
Era enigmatico
Semplicemente era
E mi spaventava 
Pensai per un attimo in rimanere
Così tutto avrebbe avuto  una fine
Nessuno al mondo mi avrebbe ricordata
Nemmeno una tomba mi avrebbe tolto la pace 
Le profondità delle acque mi avrebbero coperta
Con alghe e coralli
Ma ho resistito
Provai a cambiar pensiero
Davanti allo sguardo che mi fissava invitante
Se mi sarei  lasciata andar…
Mai più avrei visto il mare.
Miriam Da Costa
 
 

Voglio volare

 
 
Voglio volare nel tuo mare
Liberarmi in te
Volo planante
In un  mare di desideri
Vortice smeraldo
Nei tuoi verdi occhi
I miei trovano
Parole dette
Versi declamati
Pura poesia.
 
Miriam  Da Costa
 
 

I Versi del mio ventre

 
Nulla posso fare per rimediare l”incomprenssione dei miei versi
Se mentre li partorisco, non conosco bussole…
E non seguo istruzioni di montaggio…
 
Posso correggere alcune parole
Ma i versi scritti nel mio ventre
Non saranno cambiati
Ne eliminati mai.
 
Miriam Da Costa
 

Tempo Spazio Mare

Tempo
Chiaro e scuro, infinito, profondo
Passaggero del vento
Se pur così breve
Trascina con potenza il mondo

Spazio
Profondo, chiaro e scuro, infinito
Radice del mio legame
Eppure così grande
Progetta la vita nel futuro.
 
Mare
Infinito, profondo, chiaro e scuro
Nave del mio sognare
Eppure così reale
Rachiude la marea dei miei pianti.
 
Miriam Da Costa
 
 
 

Il teatro della vita

 
 
Per tutti noi arriverà un giorno
Un giorno in cui non saremo più sul palco 
 Non sentiremo più applausi
Nè fischi.
 
 
Miriam Da Costa
 
 
 
 
 
 
 

Sorrisi e morte

 
 
 
 
 
 
 
 
Voglio scivolare nella tua bocca
Dentro un verso lungo d’amore
Accendere la tua voce
Bagnata nella mia saliva
Nella mia essenza
Voglio comporre la tua luce
Nella tela verde dei tuoi occhi
Innietata nel mio sguardo
Prosseguendo in silenzio
Voglio vestirmi di mare
Nel tuo sudore
Voglio l’intero pianeta e girare
 Anni luci lontano
In questo richiamo d’amore
Di passione
Di pace
I sorrisi stolti sorridendo
Dicendo
D’amore e passione
Nessuno muore più
 Che sia preghiera senza fretta
Che si senta il suono del silenzio
D’amore
Di passione
Di pace
I sorrisi spegnendosi
Tacendo
D’amore e passione
Nessuno muore più
Come muoio io con, per te.
 
Miriam Da Costa