Umana Impotenza

 

Lisa Simpson

Lisa Simpson

Piango per la mia umana impotenza
dinnanzi alla disumanità che regna con prepotenza
Sono soltanto un fragile uccellino
che canticchia il suo rimato ritornellino
sognando un mondo diverso
il mio canto ora è triste e non c’è verso
perchè è tutto molto triste e complicato
l’essere umano è assai indemoniato
vorrei non avere occhi ed essere cieca
davanti a quel che la mia vista depreca
vorrei non avere orecchie ed essere sorda
dentro a tutto il disumano frastuono che assorda
vorrei non avere cuore e non sentire
accanto a tutta questa crudeltà e non soffrire
in questo mondo, vorrei non esserci ma ci sono
e la mia triste rima è il mio sentito dono ♥

Miry

Annunci

Eterno esercizio

Eterno esercizio

Eterno esercizio

Per leggere meglio e sentire bene le parole,
semplicemente chiudo gli occhi e spalanco la mente.
Ci sto provando da una vita in questo esercizio.

Miriam Da Costa

Sentire e Sperimentare

 
Sentire e Sperimentare

Sentire e Sperimentare

Vedo molta fragilità in quel che siamo capaci a concepire, davanti ad un universo di misteri che ci affacciamo in questo fugace passaggio fra il nascere e il morire. Preferiamo non pensare, ne aspettare e nulla voler vedere evitando cosi la conoscenza e la coscienza. Abbiamo la falsa convinzione che siamo sempre esistiti e che esisteremo per sempre. E’ più semplice sentirsi e esperimentarsi eterni.

Miriam Da Costa

Pensiero… Leggendo e Riflettendo ( Non sono d’accordo! )

Leggendo e Riflettendo

Leggendo e Riflettendo

“Forse la libertà non è nemmeno poter fare ciò che si vuole senza limiti, ma piuttosto saperseli dare. Non essere schiavi delle passioni, dei desideri. Essere padroni di se stessi.”  (Fëdor Dostoevskij)

*Padroni è un termine che non mi piace! La libertà stà anche nel non aver bisogno di sentirsi padroni e neanche vedersi schiavo delle proprie passioni e desideri, ma semplicemente Essere, naturalmente, Vivi liberamente in loro. L’essere umano , prepotentemente, si illude di poter esser padrone, forse per nutrire il suo vanitoso desiderio di sentirsi un Dio.

Miriam Da Costa