Un lungooo pensiero acrostico… L’Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L'Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L'Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L’amore ha nascosto il volto dietro un velo
A chi sempre lo ha desiderato nudo
Ma, mascherato in un triste carnevale
Oggi l’amore da noi si è nascosto
Restando cenere di tutti i giorni
E non soltanto del mercoledì

Nel giorno in cui l’amore è nato
Unendosi a noi in anima e corpo nudo
Donarsi distintamente era il suo intento
Ora è rimasta l’unione d’interesse assai in fermento

Com’era sano l’amore nudo e trasparente
Onde il sole albeggiava l’oro
Milionario sentimento che arricchiva l’esistenza
Ed anche nelle difficoltà, sempre ricchi tutti si sentivano

Quando l’amore era senza maschere
Una vita era poco, anche se con sacrifici
Adesso basta un giorno di stento ed incomprensione
Nude anime si ammucchiano in disperazione
Dentro il cesto della fatale solitudine
Onde si nascondono nei loro abiti sporchi

E dove non si copre l’intenso fetore
Ristagno dell’essenza umana in dolore
A divenire sempre più ferita sanguinante

Vestita con la sua maschera
Eterno inganno questo, che non può coprire l’olfatto sensibile
Non si può comprendere tanto masochismo e sadismo
Un vero massacro di quest’anni moderni
Tanto crudele quanto le belliche guerre del mondo
Onde non si sa chi è l’assassino e chi la vittima

Adesso si vive solo di nostalgia
L’amore vero d’altri tempi, era il pane dell’anima

Mascherato e senza costanza ne sostanza
Ora è anemia cronica nelle vene dell’anima
Nel sentiero dove la gente si è persa, là
Dove il seme dell’amore è stato inquinato e nascosto
Oggi la gente denutrita, prega ogni giorno senza fede, per la vitamina della vita.

Miriam Da Costa

 
Annunci

Pensiero interrogativo… L’eterno dubbio

Pensiero interrogativo... L'eterno dubbio

Pensiero interrogativo... L'eterno dubbio

Vivere il pensiero profondo
Nella profondità del sentimento
Della tristezza del pensiero di questa incomprensibile umanità…
E’ forse questa mia capacità intrisa nell’oceano dell’anima
Che mi fa provare, riprovare nella mia incapacità per poi…

meglio fallire nella comprensione del mio essere umana?

Miriam Da Costa

Pensiero… Vocaboli Senza Lingua

 Vocaboli Senza Lingua
Vocaboli Senza Lingua

In ogni essere umano esistono momenti di viscerale sonorizzazione dell’anima,  piena di sentimento, che la lingua di nessun vocabolo mai potrà pronunciare.

Miriam Da Costa

Esigimi Lacrime E Sangue E Prendimi Anima

Esigimi lacrime e sangue e prendimi anima

Esigimi lacrime e sangue e prendimi anima

Sussurri di una gola
Impregnata della polvere
Di un pensiero ossessivo
Attaccato a tempi passati
Occulti alla chiara luce
Arredando il sentiero
Nella mia camminata poetica
Seminando sensibilità
Sbocciando emozione
Catene che tengono ostaggio
L’anima mia
Scavando nei ricordi
Montagna di rocce
Componendo il ponte
Oltre l’origine
Piccola pietra sbriciolata
Polvere di un dolore
Immenso
Spazzolato via
Dalla mia poesia
Alla vita che tutt’ora
Esige tutto da me.

Miriam Da Costa

OMPI ( Organismo Mentale Psicologicamente Inquinato)

OMPI (Organismo Mentale Psicologicamente Modificato)
OMPI (Organismo Mentale Psicologicamente Modificato)

Il tabu è un termine che hanno inventato per dare legalità all’ipocrisia umana.
Quando l’anima è poeticamente garbata e non volgare…
Tutto ciò che crea ed emana è pura energia positiva
Ed è semplice e naturale sublimazione del pensiero
del sentimento e dell’emozione.
Tutto il resto è solo frutto del OMPI che uno ha in testa.

Miriam Da Costa

Maschera

MASCHERA.POETA.
MASCHERA.POETA.

Dipinsi un poema con profumo di gioia

Fu presa d’assalto dall’ispirazione

Con lacrime d’emozionata riconoscenza

Ho annaffiato i suoi semi

– Vocali e consonanti –

Dentro il mio più grande giocare

Che è il non giocar con le parole

Quando sono più che consapevole

Che in loro esistono e vivono

Quel che mi nutre

Mi divora

Il sublime nome in ogni verso

In attesa che sceglie

Il mio sentire

-Amore-

Il mio donare

-Rispetto-

Il mio vivere

-Passione-

Nel sublime divertimento

D’esser ladra

Rubando le parole dall’anima

Mascherandomi di poeta.

Miriam Da Costa