Atlantico

 

 

Steve Hanks

Steve Hanks

Atlantico,
ho sognato d’essere una tua onda
in tutti quei pomeriggi
dove la mia esistenza
si posava fra le braccia della profondità
che accoglieva l’anima mia.

Oh! Oceano!
In tutti i miei giorni
ho sempre sognato d’essere come Lei.
Potrà mai un’unica lacrima mia
essere accolta fra le tue onde?
Miry

*Dipinto di Steve Hanks ( pittore americano)

Annunci

Inestimabile Valore

C’è qualcosa ch’è molto valiosa
ed è l’unica cosa
che veramente possiedo
e che mai niente e nessuno
potrà mai togliermi
 nemmeno la morte.

La storia
della mia esistenza
ha un inestimabile valore.

Miry

*Dipinto di Luìs Ribas ( pittore spagnolo)

 
Inestimabile Valore

Inestimabile Valore

Gioia di vivere

Johnny Palacios Hidalgo

Johnny Palacios Hidalgo

Rimane come una preghiera, di quelle che non faccio ma mi sazia
Rimane come un universo di ringraziamenti che trabocca in me
Rimane come un giuramento d’amore che non pronuncio ma si eternizza
Rimane come una gratitudine non per le carezze ma per la sua esistenza
Rimane come una forte commozione che non lacrimeggio ma sento
Rimane come un sogno che si addormenta con gli occhi ben aperti
Rimane come una supplica che nulla chiede ma implora: continua!

Miry

*Dipinto di Johnny Palacios Hidalgo ( pittore peruviano )

Se dio… Se il demonio…

Alena Plihal

Alena Plihal

 
Se dio crede di migliorare l’essere umano…
è una incredibile illusione , come la sua esistenza stessa.

E se il demonio crede di peggiorare l’essere umano…
evidentemente soffre della sindrome dell’utopia.

Miry

*Dipinto di Alena Plihal ( russian painter)

Pensiero rimato… L’evidente apparenza

 

Pensiero rimato... L'evidente apparenza

Pensiero rimato... L'evidente apparenza

Il mondo è sempre più in decadenza
Per colpa dell’uomo assai in demenza
Che dell’umanità ha perso coscienza
Ma,non diamo in escandescenza
La vita sorride in effervescenza
Al nostro attimo d’esistenza
Di luce della vita in fluorescenza
In eterna evanescenza.

Miriam Da Costa

Un lungooo pensiero acrostico… L’Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L'Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L'Amore Nudo Come Quando Era Venuto Al Mondo

L’amore ha nascosto il volto dietro un velo
A chi sempre lo ha desiderato nudo
Ma, mascherato in un triste carnevale
Oggi l’amore da noi si è nascosto
Restando cenere di tutti i giorni
E non soltanto del mercoledì

Nel giorno in cui l’amore è nato
Unendosi a noi in anima e corpo nudo
Donarsi distintamente era il suo intento
Ora è rimasta l’unione d’interesse assai in fermento

Com’era sano l’amore nudo e trasparente
Onde il sole albeggiava l’oro
Milionario sentimento che arricchiva l’esistenza
Ed anche nelle difficoltà, sempre ricchi tutti si sentivano

Quando l’amore era senza maschere
Una vita era poco, anche se con sacrifici
Adesso basta un giorno di stento ed incomprensione
Nude anime si ammucchiano in disperazione
Dentro il cesto della fatale solitudine
Onde si nascondono nei loro abiti sporchi

E dove non si copre l’intenso fetore
Ristagno dell’essenza umana in dolore
A divenire sempre più ferita sanguinante

Vestita con la sua maschera
Eterno inganno questo, che non può coprire l’olfatto sensibile
Non si può comprendere tanto masochismo e sadismo
Un vero massacro di quest’anni moderni
Tanto crudele quanto le belliche guerre del mondo
Onde non si sa chi è l’assassino e chi la vittima

Adesso si vive solo di nostalgia
L’amore vero d’altri tempi, era il pane dell’anima

Mascherato e senza costanza ne sostanza
Ora è anemia cronica nelle vene dell’anima
Nel sentiero dove la gente si è persa, là
Dove il seme dell’amore è stato inquinato e nascosto
Oggi la gente denutrita, prega ogni giorno senza fede, per la vitamina della vita.

Miriam Da Costa

 

Paradossalmente

Paradossalmente

Paradossalmente

I miei piedi da sempre incisi nel suolo come radice d’albero di savana, mai furono sufficienti per evitar quella profonda leggerezza dell’essere, che come nuvola fugacemente perenne, si incontra nella divina perdizione nell’universo della poesia in evanescente eternità della mia profana esistenza.

Miriam Da Costa