L’abbraccio

Quando le nostre lettere si abbracciano
Come i corpi che si allacciano
Ti reinvento nel mio verso
Navigo in questo mistero d’emozione
Quando percepisco che sei tanto vicino
Il mio cuore accelera vibrante
Inebriato nella fortuna dell’odore muschiato
Selvaggio
Sento il mio corpo ad esalare peccato 
Sorgono dolci lacrime di passione
Brividi incitano le mie fantasie
Quando in te si riflette l’amore
Germoglio nell’anima mia luce e colore
Sempre sarai  il mio poeta
Amante
Amato
Mai abbastanza
Nel mio cuore  poetizzato
Il profumo del fiore
Nel mio giardino di versi.
 
Miriam Da Costa
 

Questa voce è stata pubblicata in scrittura.