Nostre Ragioni

Non sono state le tue sapiente dita

Abbiamo fucinato le  nostre note
Scambiamo i nostri silenzi

Permessi in noi

 

Non sono stati i miei ardenti baci

Soffiando caldo i tuoi gesti

Provandoti il nostro gusto

Che regala colori in noi

 

Non sono state le  nostre ali

Tanto rare in forme e potenza

Abbiamo fuggito alle regole

 Toccato le spine

Non sono stati i miei occhi lucidi

In lenta e tenera pazienza
Abbiamo curato senza colpe e meriti

La rosa delle nostre ragioni.

Miriam Da Costa

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.