I miei mari 2

 
 
Mare II

Lascio fluire l’emozione
Esprimo gesti assurdi
Mi strofino nella sabbia
Mi avvolgo nella libertà dell’onde
Lancio mio corpo caldo nell’acque
E mi permetto scivolare
Il vento impetuoso dell’oceano
Lentamente tocca la mia pelle, il viso
Tutto è permissibile
Chiudo gli occhi e assorbo il silenzio
Si forma un sentiero immaginario
Luminoso, radiante
Si esecuta un canto ipnotico
Si espressa nell’anima mia quieta
Che riflette il buono e bello del mondo nel mio petto
Specchio
Terra, acqua, fuoco, aria,
Mente, cuore, anima, corpo
Pensiero,sentimento, affinità, emozione
L’incanto prendi possesso del mio essere
Che si sente pieno nella sua
Auto trasfigurazione astratta
Che solleva e capta la forza
Emanante ed interna
E quel silenzio adesso sepolto in me
Sopporta un attimo immortale
Dove suona forte il cuore
Il sangue, il polso e l’impulso
Dimenticando il mondo
Un mondo triturato che amuffisce
Muffa, modellando forme di vite
Vite morte, amorfe
Ed io
In te
Possiedo emozione
Nelle tue onde
Nel mio mare.

 
Miriam Da Costa
 
 
Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.