La nostra gara

 

 

La vita è una gara che inizia molto lentamente

Ci si  avvia strisciando per terra anche senza sapere perché

E poco alla volta diventa più grande,  ma tu  vuole e deve vincere

Se ti fermi sei finito…

Improvvisamente la pista sparisce

E’ la fine per te

Altri puliranno la pista per un altro atleta gareggiare

Correndo più di quel che può

Cercando non si sa cosa

Chi ti ha iscritto nella gara

Tu non lo saprai e vedrai mai

Avrà solo una certezza,

 Che questo  non ha mai corso

E che esiste una fine per ogni gareggiatore

Per alcuni la pista è corta e per altri è troppo lunga…

Alcuni rimangono sempre sulle punte

Rimanendo indietro

Il podio?!

Un nome nella roccia che il destino ha scritto

O una coperta di terra per dove l’atleta corse

Alcuni si trovano all’inizio senza sapere la rotta

E coloro che vedono la fine

Di nuovo strisciano

Dimenticando che hanno pianto quando ascoltarono il segnale

Per iniziare la gara e per venire a piangere alla fine

Che  inevitabilmente  è uguale per tutti

La polvere.

 Miriam Da Costa

 

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.