NON VOGLIO L’OTTO MARZO (festa della donna)

Quanti versi,  poemi e poesie per il giorno della donna
Un giorno dell’anno per festeggiare
Ed il resto dell’anno
Per dimenticare…
Io non voglio un giorno della donna
Per coprire e dimenticare tutta l’ingiustizia
La violenza
La non valorizzazione
Io voglio diritti e sicurezza
Voglio essere donna tutto l’anno
Non essere licenziata per la maternità
Voglio essere libera
E non schiava di un padrone tiranno
Voglio uguaglianza di diritti
Voglio lavorare con i miei colleghi uomini
Ed avere lo stesso stipendio
Avere più sedie nei palazzi governativi
Ed avere lo stesso diritto di decidere
Per la mia città, provincia, regione e nazione
Non voglio un giorno della donna per festeggiare
Ad abbuffarmi con menu  alla mimosa nei ristoranti vari
Che solo guadagnano ma di me donna importa poco o niente
Non voglio assistere ad uno streptease maschile
Ed urlare come demente con e come altre
Voglio essere donna
Voglio sentirmi donna
Voglio essere gioiosa , festeggiare
E solidarizzare con le altre donne
Tutti i giorni dell’anno.
Non voglio l’otto marzo!
 
 
Miriam Da Costa
 
 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.