Brindisi di fiele

Riempite il mio calice con più fiele
Anch’io ho diritto di fare un brindisi
E voglio brindare!
Per la morte dei delfini e balene
Per la scoperta della nuova capsula nucleare
Per la guerra che ha esploso nell’oriente
Per la spazzatura che ha invaso il mare
Per i fiumi inquinati e fetidi
Per il rosso sangue al posto delle verdi foreste
Per la tecnologia avanzata nella dinamica della serra
Per non più sentire il canto degli uccellini
Per tutti i nuovi deserti che sorgeranno
E per l’estinzione di tante specie animali
Alzate i vostri calici pieni e chiudete gli occhi
Degustate con eleganza l’amaro del liquore
Cambiate i vostri ori per le uova dello storione
Pensate all’ IO, dimenticate il noi e l’amore
Che importa se un simile non ha il pane?
Se manca il mio caviale è il mio terrore
Più fiele!
Non lasciate il mio calice vuoto
Voglio ubriacarmi come non ho mai fatto
Voglio annegare tutta la mia infelicità
Per sapere che sono parte di una società
Che non attenta ai versi della poesia del pianeta
Che invano tentano di mettere in guardia l’umanità.

Miriam Da Costa

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.