E’ solo tuo questo folle poema

Versa il tuo sguardo nel corpo di questo poema

Impregnati!

Saliva di piacere, desideri e follie
Cerca nella mia bocca il recitare disperso
Immerso nelle mie fantasie

Orquestra i miei sussurri!
Scivola tua lingua nel mio pensiero!
Sfoglia il mio destino, eccitami!
Travolgimi nelle rime, fammi poema!
Volo nelle tue braccia, sei il mio conduttore.

Compongo poesia in sospiri nella tua nudità
Nella tua arte di condurmi al paradiso

Ti declamo in ogni verso, naturale e folle dono mio!
Amarti, desiderarti e poetizzarti

In questo folle poema, ti sono ambigua:

Se cerchi il mio peccato…

Mi troverai pura

– o quasi –

Se chiedi il mio pudore

Avrai le brace ardenti dell’inferno.

Miriam Da Costa

 
 
Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.