Solitudine e tristezza

Io so
E vorrei con tutte le mie forze
Che la tristezza
Non dovevaf ar parte della vita umana
Che le cose della vita
Dovrebbero essere sempre gradevoli a tutti
E che il mare nella sua immensità
Ci insegna ad essere forti
Che gli uccelli molte volte, migrano verso altri orizonti
Che le cenere del vulcano
Nulla sanno di tutta la distruzione
Che lasciano
Per dove passano dopo l’eruzione
So che i nostri percorsi sono distinti
Siamo nati soli…
Viviamo soli…
E morriremo soli…
Io so molto della solitudine
Compagna fedele fin da bambina
So della mancanza d’amore, di conforto e affetto
So anche che il vino nasce dall’ ubriachezza delle vite
Che nel pallazzo vecchio, ci sono " re e regine" a tavola imbandita
So anche che il marinaio cade nel mare
E si annega senza aspettarselo
E so sopratutto che anche se allegri
Molti  umani non sanno amare
Che tristezza!
 
    Miriam Da Costa
 


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scrittura.